Sostituzione e scelta dei serramenti

Come riqualificare l’abitazione risparmiando sulle spese energetiche, aumentando il valore patrimoniale e migliorando il comfort del vivereLa soluzione è iniziare dalla sostituzione dei serramenti.

Scegliere bene è una condizione imprescindibile. Gli infissi acquistati incideranno in maniera rilevante sul living quotidiano e sul risparmio energetico per decine di anni.

I serramenti non sono un semplice acquisto: sono un investimento! Sono beni durevoli, non dimentichiamocelo!

Per non commettere errori bisogna seriamente pensare a quale tipologia si adatta meglio alle proprie necessità: non si può ragionare solo di pancia, pensando di acquistarli esclusivamente perché piacciono!

Da un serramento si deve pretendere che sia bello, ma che abbia alte prestazioni termoacustiche e che non comprometta la salubrità dell’abitazione!

Avete mai sentito parlare di condensa alle finestre, muffe che spuntano sui muri, presenza di umidità e cattivi odori che si formano negli ambienti dopo la sostituzione dei vecchi serramenti?

Finestra con muffa

Ecco, dunque, che il consumatore è posto davanti a una molteplicità di scelte in quanto a materiali costruttivi, ciascuno con caratteristiche specifiche.

L’alluminio, per esempio, grazie alle sue caratteristiche di leggerezza e resistenza si utilizza per la realizzazione di strutture di grandi dimensioni. Se si desiderano profili minimalisti e di design è sicuramente consigliato. È molto flessibile nelle colorazioni (qualsiasi colore della scala RAL e tante finiture effetto legno). Gli infissi in alluminio sono facili da pulire e non richiedono particolare manutenzione.

Oppure il PVC (cloruro di polivinile) che è un materiale termoplastico con il quale si realizzano finestre dalle elevate prestazioni isolanti. Il suo colore naturale è il cosiddetto bianco di massa, ma altre colorazioni possono ottenersi con l’apposizione di speciali pellicole. Viene spesso usato per abitazioni di uso civile e da chi non vuole fare troppa manutenzione. 

All’appello, tra i principali materiali costruttivi dei serramenti, non può mancare il legno: per gli amanti della sostenibilità ambientale che desiderano una finestra più tradizionale, composta da materiali naturali e di pregio. Il legno garantisce resistenza e lunga durata, oltre ad essere un ottimo isolante termico e acustico. In relazione alla tipologia di legni (pino, abete, frassino, rovere, larice, ecc.) i costi possono variare anche di molto.

E poi ancora i serramenti misti: soluzioni combinate dei materiali sopra descritti che permettono  di mantenere inalterate le finiture esterne quando ci sono dei vincoli, ma di personalizzare quelle interne all’abitazione. 

La scelta dei serramenti passa, certamente, attraverso l’individuazione del tipo di materiale che meglio sintetizza le personali necessità (performance, tipo di abitazione, gusti personali e budget disponibile), ma serve essere consapevoli che un infisso è formato da telaio e anta ma anche e soprattutto da vetro. 

Nella scelta di un infisso è errore comune sottovalutarlo!

Eppure il vetro basso-emissivo ha caratteristiche importantissime per potenziare l’isolamento termico, quello stratificato aiuta sensibilmente l’isolamento acustico e quello selettivo consente alle camere più assolate di non surriscaldarsi.

L’acquisto consapevole di un serramento non si esaurisce con la scelta del prodotto perché la sua resa (termica, estetica, acustica) è legata indissolubilmente alla sua installazione.

Riqualificare il proprio appartamento non significa solo mettersi alla ricerca del preventivo più conveniente, ma significa soprattutto trovare soluzioni adeguate!

Il nostro consiglio è quello di rivolgersi a fornitori che sappiano condurre per mano il cliente, che sappiano individuare le sue esigenze, i suoi bisogni e sappiano prospettare i maggior benefici a costi adeguati!

Fissate un appuntamento in showroom, il team Stilarredo avrà il piacere di ascoltarvi e farsi ascoltare.